Skip to content

Arbeit macht frei, Arbeit macht weise

marzo 16, 2008

“Grazie.”

Non credo di essere in grado di dire altro alla signora Segre. Davanti a circa 300 giovani e ragazzi, con una lucidità straordinaria, ha saputo dare i colori della verità alle pagine più nere della storia del ‘900.
Le vittime, semplici numeri ordinatamente elencati nei libri di storia, hanno improvvisamente acquisito un volto, una voce, paure e speranze di persone reali, vere… umane.

L’esperienza di una bambina di 13 anni deportata in un campo di concentramento. Sola.
La sopravvivenza ad Auschwitz, il terrore, la cenere, le umiliazioni. Sola.
La marcia della morte, quel grido di speranza “Non morite! Non morite ora! La guerra sta per finire!” dei ragazzi francesi.

300 ragazzi commossi. 300 ragazzi per i quali una fetta di storia non è più soltanto un capitolo da studiare.
Almeno per un momento, qualcuno di loro ha percepito il tempo in modo diverso, sprofondando nei decenni con la consapevolezza che quei tempi son stati vissuti da persone come loro.
Esseri umani.

Grazie, signora… per la più bella ed importante lezione di storia che abbiamo visto finora.

Advertisements
One Comment leave one →
  1. marzo 16, 2008 8:12 pm

    Liliana è un soffio di storia che viaggia.
    Credo che quando se ne andrà farò un lungo pianto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: