Skip to content

Esame di Stato 2008 – simulazione orale nr.2 (part 2)

aprile 26, 2008

5 lunghi anni.
5 anni per crescere, imparare, modellare la persona e la personalità.
Ed eccola lì, seduta davanti a 7 insegnanti, il numero 15. Nel registro è il numero 15, proprio prima del 16, che è il mio. E’ letteralmente terrorizzata, si vede.”

Nel frattempo io non posso fare a meno di fissare quel portachiavi, così semplice, così freddo:
“I try not to let school interfere with my personal life.”
Ma la scuola E’ la sua vita, in questo momento. Ed ora, in quest’aula luminosa al secondo piano del collegio, si vendica di quella pupilla che ha cercato di escluderla dai suoi pensieri.
E’ questione di metodo e di consapevolezza: le conoscenze acquisite a scuola sono strumenti, mezzi. Apprendere significa impadronirsi di un metodo che servirà in futuro. Diventa quindi assurda la domanda “Ma a me, di questo argomento, che cosa importa?”

Probabilmente nulla, ma non è questo il punto. Persino non ascoltare in classe, rimandare, trattare la materia come se fosse qualche cosa di estraneo alla propria esistenza ed ai propri interessi significa non aver compreso appieno il ruolo che quella ha nello sviluppo dello studente.
Gli insegnanti capaci di trasmettere ai loro alunni la passione per ciò che insegnano non sono molti, purtroppo.
L’approccio dello studente allo studio deve quindi essere quello di un essere umano assetato di sapere.
In questo modo non è più studio finalizzato alla verifica orale o scritta (tanto criticato dagli insegnanti), non è più nemmeno uno studio sterile, destinato a sbiadire nel tempo. Rimane impresso nella memoria, come tutte quelle informazioni apprese per piacere e non per forza.
(E’ davvero stupefacente la quantità di informazioni sulla storia del calcio che un ragazzo con la media del 4 può avere!)

Insegnanti e genitori possono agire fino ad un certo punto: il resto è compito del giovane.
Ed è tutto basato sull’atteggiamento mentale assunto rispetto alla materia studiata.
Per alcuni è naturale, per altri può essere una forzatura, ma funziona.

Se quella ragazza dai capelli ricci (umana, troppo umana) seduta davanti a 7 insegnanti avesse affrontato diversamente questi ultimi 5 anni, forse non l’avremmo vista in lacrime dopo la sua faticosa interrogazione.
Tanto quelle lacrime non erano legate al dispiacere del “non sapere” per sé. Erano causa del dispiacere di non aver saputo per i commissari che aveva davanti.
E data la scarsa considerazione per quelle persone, è ritornata al suo riso volgare dopo pochi minuti di feroce vergogna.

Forse i minuti più lucidamente saggi della sua vita.

Annunci
2 commenti leave one →
  1. aprile 27, 2008 11:25 pm

    Mi permetto di sottolineare che un certo tipo di insegnanti non esiste più (o quantomeno è in minoranza) anche perchè un certo tipo di “imparanti” non è più così comune.
    Ai miei tempi (e non voglio fare prediche) si _usava_ la scuola come fucina di conoscenze, laddove il tuo insegnante era capace e disponibile lo si _usava_ per raggiungere il fine ultimo della conoscenza: non tutti lo facevano, ma io ho _usato_ tantissimo i miei insegnanti, tutti, anche quello di educazione fisica (e non dico sciocchezze).
    Perchè con tutto il tempo passato li, è chiaro che quello è il tuo laboratorio di vita, e se non sfrutti tutto quello che hai a disposizione per crescere (e trovi persone disponibili e capaci a farsi _usare_), beh, hai perso davvero una grande occasione di diventare uomo.
    Il mondo: è capovolto.

  2. sednonsatiata permalink
    aprile 28, 2008 11:58 pm

    @Clockwise

    Messo così suonerebbe male… ma effettivamente lo studente dovrebbe sfruttare appieno le conoscenze dell’insegnante. Significa crescita per entrambi. Ormai, però, sembra quasi che le file degli studenti siano schierate contro le file degli insegnanti in un’ostilità e mancanza di fiducia generali.
    Chissà perché.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: